Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
INFONLINE

INFONLINE

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso

Ammorbidenti contengono sostanze chimiche tossiche

Gli ammorbidenti chimici sono uno fra i prodotti più tossici per uso domestico. Contengono sostanze chimiche (additivi, fosfati, pentano, limonene, benzil acetato, coloranti artificiali) che risultano altamente inquinanti per l’ambiente e nocive per la salute dell’uomo. Possono scatenare reazioni allergiche, asma, dermatiti, soprattutto nei bambini e nei soggetti più sensibili, nonché danni al sistema nervoso. Sono state riscontrate correlazioni fra l’insorgenza di malattie come il cancro, danni al fegato e ai reni e l’uso di ammorbidenti convenzionali contenenti queste sostanze tossiche.

Le sostanze chimiche nocive degli ammorbidenti si assorbono attraverso la pelle (il più grande organo del corpo) e si inalano con ogni respiro quando indossiamo o siamo a contatto con vestiti trattati con ammorbidenti chimici.

Gli Ammorbidenti sono stati inventati per nascondere gli odori sgradevoli di tessuti sintetici, i cui odori tendono a diventare più forte quando riscaldato, sia con la sudorazione, che con l’asciugatrice. Le sostanze chimiche negli ammorbidenti includono quelli destinati ad eliminare elettricità statica, nonché profumi per mascherare sia le altre sostanze chimiche e l’odore dei tessuti sintetici.

Alcuni degli ingredienti nocivi che si trovano comunemente in ammorbidenti comprendono:

CLOROFORMIO: Questa sostanza è stata utilizzata come anestesia nel 1800, fino a quando nei primi anni del 1900, è stato scoperto il suo potenziale di causare aritmia cardiaca fatale. Il cloroformio è una neurotossina cancerogeno, è sulla lista rifiuti pericolosi dell’EPA. L’inalazione dei suoi vapori possono causare perdita di coscienza, nausea, mal di testa, vomito, e / o vertigini, sonnolenza. Può aggravare i disturbi del cuore, reni o al fegato. I suoi effetti peggiorano se sottoposti a calore.

A-TERPINEOLO: Provoca disturbi del Sistema Nervoso Centrale (SNC), che significa problemi relativi al cervello e della colonna vertebrale come il morbo di Alzheimer, ADD, la demenza, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, convulsioni, ictus. I primi sintomi di problemi del sistema nervoso centrale comprendono afasia, visione offuscata, disorientamento, vertigini, mal di testa, perdita di memoria, intorpidimento in faccia, dolore al collo e della colonna vertebrale. A-Terpineolo irrita anche le mucose e, se aspirato nei polmoni, può causare depressione respiratoria, polmonite o edema fatale.

ACOOL BENSILICO: Questo irritante delle vie respiratorie superiori può causare disturbi al sistema nervoso centrale (SNC), mal di testa, nausea, vomito, vertigini.

BENZILICO ACETATE: questa sostanza è stata collegata al cancro del pancreas. I suoi vapori possono irritare gli occhi e le vie respiratorie e può anche essere assorbito attraverso la pelle.

ETANOLO: Un altro ingrediente degli ammorbidente che è sulla lista rifiuti pericolosi dell’EPA e collegato a disturbi del sistema nervoso centrale.

PENTANO: Un chimico noto per essere nocivo se inalato.

ACETATO DI ETILE: Questa sostanza, che è sulla lista rifiuti pericolosi dell’EPA, può essere irritante per gli occhi e le vie respiratorie. Può anche causare forti mal di testa e perdita di coscienza, nonché danni al fegato e ai reni.

CANFORA: Un’altra sostanza nella lista rifiuti pericolosi dell’EPA. Si assorbe facilmente attraverso i tessuti del corpo, causando irritazione di occhi, naso e gola. Canfora può anche causare vertigini, confusione, nausea, spasmi muscolari e convulsioni.

LINALOOL: noto per causare problemi respiratori e disturbi del sistema nervoso centrale. In sperimentazione animale, l’esposizione al linalolo ha provocato la morte.

FTALATI: utilizzati nei prodotti profumati per aiutare il profumo durare più a lungo, gli ftalati sono stati collegati al cancro al seno e problemi del sistema riproduttivo.

LIMONENE: Questo noto cancerogeno può causare irritazione agli occhi e alla pelle.

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post