Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
INFONLINE

INFONLINE

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso

Come scegliere una pensione per cani

                                   cani.jpg

Quando si ha un cane in casa e bisogna stare via uno o più giorni per piacere o per altre ragioni, e non possiamo portare con noi il nostro amico a quattro zampe, si pone la questione a chi affidare il nostro cucciolo, qualcuno che se ne prenda amorevolmente cura nei giorni di nostra assenza. Nelle varie regioni d'Italia ci sono varie pensioni, ma purtroppo, non tutte sono idonee ad ospitare il nostro cucciolo nei migliori dei modi. Se non abbiamo nessun amico, parente o collega disposto a prendersi cura nel nostro cane, durante i giorni che staremo via; non ci resta che trovare una pensione adeguata che se ne occupi. Per trovare nominativi di pensione valide, possiamo chiedere al veterinario, negozi di animali, persone proprietarie di cani. Una volta che si hanno i nominativi delle pensione, vanno contatti telefonicamente per richiedere quanto più ci interessa, ad esempio dove vengono tenuti; se vengono lasciati liberi di muoversi e giocare, e per quanto tempo; se vi è presente un veterinario; quanto si prendono al giorno; se il nostro cane ha bisogno di assumere farmaci se si prendono l'incarico. Dopo la telefonata, se si è avuta un'impressione positiva, non resta che andare a visitare la struttura, meglio senza avvisare la pensione, in modo da essere certi delle condizioni in cui vengono tenuti i cani, se i box sono puliti, liberi da escrementi, ombreggiati da alberi. Le dimensioni del box, all'interno non devono essere inferiori a 2 metri quadrati e la parte esterna dei box non deve essere inferiore ai 6 metri quadrati. Nello spazio verde, dove i cani vengono lasciati liberi di muoversi e giocare, bisogna vedere che sia ampio, che la recinzione sia in buone condizioni, e che non vi sia niente che possa essere pericoloso come parti arruginite o muri pericolanti. Assicurarsi che nella pensione via sia personale sia di giorno che di notte, e la presenza di un veterinario. Se la struttura piace, le condizioni igieniche sono buone, chi gestisce il centro si è mostrato cortese, disponibile ed amante degli animali; non resta che concordare il periodo di permanenza in pensione del nostro cucciolo e il prezzo. Una buona pensione vorrà certamente il libretto sanitario del nostro cane e che sia in regola con tutte le vaccinazioniQuando si porta il cane in pensione, per farlo stare meglio è preferibile portargli ciò che mangia abitualmente, in modo che non subbisca cambi di alimentazione durante il periodo di permanenza in pensione; e portargli ove possibile la propria cuccia e giochino preferito. Inoltre, va protetto con il frontline, trattamento antiparassitario preventivo da pulci e zecche. Prima di lasciare il cane in pensione, è buona regola farlo socializzare con le persone che si occuperano di lui, in modo che quando verrà lasciato in pensione non sarà un posto del tutto sconosicuto ed anche chi si occuperà di lui, acquisirà informazioni sul carattere del cane. Se si deve lasciare il cane in pensione per più giorno, in paraticolare se è particolarmente attacato al padrone o diffidente verso gli altri, è preferibile portarlo in pensione per un week-end con le sue cose: cibo, cuccia, giochino; in questo modo si potrà valutare in quale stato emotivo torna a casa.

Chi ama il proprio cane, per quanto trovare una buona sistemazione per lui, certamente sarà un po' dispiaciuto nel lasciarlo in pensione; ma è importante che quando si lascia il proprio cucciolo in pensione, lo si faccia senza tanta enfasi, ma tranquillizzandolo con la solita frase che si utilizza ogni giorno prima di uscire di casa, del tipo: "Ciao, torno subito. Fai il bravo!". Nel periodo in cui si è via e il nostro cucciolo è in pensione, possibilmente possiamo incaricare un amico o un parente di recarsi saltuariamente a fare visita a sorpresa al nostro cucciolo, per verificare le condizioni di mantenimento. Nel periodo estivo o durante le festività (Natale, Pasqua), per evitare di non trovare disponibilità, il periodo in cui il nostro cucciolo dovrà stare in pensione, va concordato diverso tempo prima.

Prima dei 6 mesi è sconsigliato far andare il proprio cucciolo in pensione. Non tutte le pensioni sono disponibili ad assumersi la responsabilità di un cane anziano, che abbia superato i 10-12 anni, ma quelle più serie sicuramente si. 

Condividi post

Repost 0

Commenta il post