Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
INFONLINE

INFONLINE

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso

Donazione componenti del sangue

imagesCABBQK08.jpg

Oltre a donare sangue per le trasfusioni si possono donare emocomponenti ed emoderivati del sangue.


EMOCOMPONENTI:
- *Concentrati Di Globuli Rossi* aiutanto a correggere leucemie, tumori, talassemia e altre gravi anemie
- *Concentrati di Piastrine* sono utili nel caso di emorragie conseguenti a difetti del numero o della funzionalità di queste cellule
- *Plasma* serve per tamponare o prevenire emorragie conseguenti a difetti della coaugulazione.
Il plasma è costituito prevalentemente da acqua, oltre il 90%, nella quale sono disciolte e veicolate molte sostanze quali proteine, zuccheri, grassi, sali minerali, ormoni, vitamine, anticorpi e fattori della coagulazione.

 


EMODERIVATI:
- *Albumina* Trasporta diverse componenti del sangue e sostanze nutritive. E' una proteina utilizzata nel trattamento di alcune malattie del fegato e dei reni (cirrosi, nefrosi, ecc.) per la cura di stati patologici gravi come lo shock da ustioni, da trauma, ecc.
- *Immunoglobuline* si usano per contrastare le infezioni grave
- * Fattori Della Coagulazione* sono indispensabili per la cura delle emoraggie che accompagnano la carenza di tali elementi, come nel caso delle emofilie


DONAZIONE DI PLASMA (Tratto dal sito www.avis.it)
La plasmaferesi si esegue con apparecchiature che prelevano il sangue e ne separano le componenti, restituendo le cellule al donatore in un processo continuo, attraverso un unico accesso venoso.Questa donazione ha una durata variabile da 35 minuti a 50 minuti circa, si effettua preferibilmente su appuntamento e poiché sono necessarie apparecchiature specifiche (separatori cellulari) si effettua presso strutture trasfusionali abilitate. I requisiti per la donazione del plasma sono simili a quelli per la donazione del sangue intero. L'intervallo tra una donazione e l'altra di solo plasma, può essere anche di solo 14 giorni poiché il plasma si rigenera molto rapidamente) senza alcuna conseguenza o ripercussione negativa.


DONAZIONE DI PIASTRINE (Tratto dal sito www.avis.it)
imagesCAWY8X21.jpg

La piastrinoaferesi consiste nel prelievo delle sole piastrine. Oltre ai requisiti necessari alla donazione di sangue intero, il donatore di piastrine dovrà avere un normale assetto emocoagulativo. Può essere effettuata con metodica di centrifugazione mediante alcuni cicli durante i quali l'apparecchiatura utilizzata separa la parte corpuscolata del sangue dal plasma; quest'ultimo viene raccolto in una sacca satellite in attesa di essere restituito al donatore. Dalla parte corpuscolata vengono estratte automaticamente a circuito chiuso, senza possibilità di contaminazione, le piastrine che si raccolgono in una apposita sacca. Il ciclo si conclude con la reinfusione al donatore del plasma, dei globuli rossi e dei globuli bianchi. A questo punto inizia il nuovo ciclo, fino al raggiungimento della quota desiderata di piastrine. Non si possono eseguire di norma più di 6 piastrinoaferesi l'anno. Tutto il procedimento dura circa un'ora e mezza. Le piastrine raccolte verranno utilizzate entro 5 giorni dal prelievo per la terapia di alcune gravi malattie come per esempio le leucemie, per i pazienti oncologici in chemioterapia e come supporto fondamentale nei trapianti di midollo osseo.

Conosco bene questo tipo di donazione, perchè sia il mio ragazzo che altre persone da me conosciute, a causa della leucemia della mamma del mio ragazzo hanno donato le piastrine, perchè in seguito alla chemioterapia, si ha necessità di trasfusioni di piastrine, plasma e sangue. Al reparto trasfusionale dell'ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino, prima di tutto per vedere se una persona può donare controllano la vena, perchè dicono che occore una vena forte, altrimenti il macchinario che preleva le piastrine va in blocco, per evitare problemi per il donatore; dopodichè se si è ritneuti idonei, prima di far donare, fanno il prelievo ed una volta ottenute gli esiti, se è tutto apposto e nei giorni prima della donazione non si sono assunte medicinali, si passa alla donazione. Sia il mio ragazzo, che le altre persone che conosco non hanno avuto nessun problema dopo la donazione.    

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

willyna 10/30/2011 10:13


Mi permetto di fare una precisazione per quanto riguarda la donazione di plasma: bisogna rimanere attaccati alla macchina dai 45 minuti ai 50 se non si fanno interruzioni.
Il donatore deve inoltre prevedere il tempo necessario prima della donazione per i controlli preventivi essenziali + una decina (a volte 15) di minuti di sosta riposo presso la struttura prima di
cambiare cerotto e potere andare via.
Sono donatrice abituale di plasma quindi parlo per esperienza personale.


infonline 10/31/2011 10:45



Complimenti per quello che fai e per la tua precisazione, ciao!