Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
INFONLINE

INFONLINE

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso

Donare sangue: un gesto dal valore incommisurabile

imagessv.jpg

L'AVIS "Associazione Volontari Italiani Sangue", è l'associazione che si occupa della donazione del sangue. Il sito internet è www.avis.it, questo sito è fatto molto bene, è completo di informazioni sulla donazione del sangue ed è di facile consultazione perchè ha un interfaccia molto semplice, che rende facile la ricerca e la consulazione delle informazioni desiderate.
Donare il sangue è un piccolo gesto, ma di grandissimo valore, visto che con il semplice fatto di donare un po' di sangue, si salvano delle vite umane. Prima di parlare, quanto più dettagliatamente possibile di chi può donare e del come, vi prego di dare importanza a questo mio scritto e di pensare seriamente a quanto sia importante donare il sangue, fare questo gesto di grandissima civiltà e umanità. Il sangue donato viene usato ogni giorno per salvare la vita di bambini, donne ed uomini; inquanto viene dato a chi affetto da leucemia, talassemia, gravi anemie, e nei casi di gravi incidenti, dove si perde molto sangue e occorre immediatamente una trasfusione di sangue. Tutti noi conosciamo o comunque possiamo immaginare il forte dolore che si prova a perdere una persona cara ed è proprio per questo che quanti hanno la fortuna di poter donare il sangue, non possono tirarsi indietro dal compiere questo semplice atto di umanità e civiltà che fa si che vite umane vengano salvate. Credo che ognuno di noi pur di salvare la vita a un proprio caro si farebbe disssanguare, ma quando il sangue serve dev'essere già pronto. Purtroppo, non tutte le regioni italiane, sono in grado di rispondere autonomamente al proprio fabbisognio interno di scorte di sangue, e ciò fa si che la situazione nazionale è al limite dell'autosufficienza; per questo è da prendere seriamente in considerazione la decisione di donare, anche perchè donare il sangue è proprio una sciocchezza da farsi, sia perchè è un banale prelievo, un po' più sostanzioso, ma niente di che e poi va fatto solo 2 volte in un anno per le donne e 4 per gli uomini; è una sciocchezza da farsi, ma di grandissima importanza. Prima di passare nel dettaglio a parlare del chi, quando, come e dove si può donare; invito accoratamente a non essere indifferenti e chi può a diventare donatore, perchè è una cosa di vitale importanza ed è un semplice gesto, che non richiede un gran sacrificio.


PERCHE' DONARE
v.jpg

- Per salvare vite umane con un semplicissimo gesto
- Perchè il sangue donato, un giorno malaguratamente potrebbe servire a noi o a un nostro caro. La vita è imprevedibile, nessuno può sapere cosa riserva il futuro; e l'unico modo per avere disponibilità di sangue è la donazione
- Una persona almeno una vota l'anno, meglio ogni sei mesi, dovrebbe fare le analisi del sangue per accertarsi del roprio stato di salute; donando il sangue vengono eseguite le analisi del sangue gratuitamente e così uno risparmia di andare a pagare soldi per farsi le analisi e fa un gesto il cui valore è incommisurabile
- Giornata di riposo retribuita per i lavoratori dipendenti


DOVE DONARE
Chi intende diventare donatore di sangue può recarsi presso una sede o un centro di raccolta Avis o un Servizio trasfusionale dell'ospedale della propria città.
Sul sito dell'AVIS al seguente link www.avis.it/usr_view.php/ID=1545 si può cercare la sede AVIS più vicina al lugono dove si vive.


CHI PUO' DONARE - CONDIZIONI DI BASE PER IL DONATORE
- Chi ha un'età compresa tra i 18 e i 60 anni. Per i donatori periodici la donazione di sangue con il consenso del medico può essere protratta anche dopo i 60 anni
- Chi pesa più di 50 Kg
- Chi ha pulsasizione comprese tra 50-100 battiti/minuto (per chi pratica sport anche inferiori)
- Chi ha una pressione tra i 110 e 180 mm di mercurio (MASSIMA), tra 60 e 100 mm di mercurio (MINIMA)
- Stato di buona salute


FREQUENZA DONAZIONE E STOP DONAZIONE
L'intervallo fra una donazione e l'altra dev'essere minmo di 90 giorni. La frequenza annua delle donazioni non deve essere superiore a 4 volte l'anno per gli uomini e 2 volte l'anno per le donne. Le donne non possono donare sangue durante le mestruazioni o la gravidanza, e per un anno dopo il parto. Chi ha fatto un piercing o un tatuaggio deve attendere un anno prima di donare, mentre chi ha subito un'operazione deve lasciar passare almeno quattro mesi. E' escluso dalla donazione, chi ha vissuto in Gran Bretagna per più di sei mesiconsecutivi per via del morbo della mucca pazza e chi è di ritorno da un viaggio in una zona in cui la malaria è endemica.
Naturalmente escluso dalla donazione è anche chi fa uso di droghe o eccede con l'alcol, chi ha rapporti sessuali a rischio, chi si è sottoposto a un trapianto di organo e chi risulta positivo al test per epatite B, C e HIV


COME DONARE
Per donare il sangue per prima cosa si verrà sottoposti ad una visita media e verrà effettuato il prelievo del sengue per accertare l'idoneità al dono. Una volta verificata l'idoneità a donare, si potrà effettuare la prima donazione. Prima di ogni donazione il medico effettua una valutazione clinica del donatore (battito cardiaco, pressione arteriosa, emoglobina); ed una serie di domande per accurare eventuali situazioni che fanno si che la doanzione sia controindicata per la sicurezza del donatore che per quella del ricevente. Dopodichè, non resta che firmare il consenso alla donazione.

La mattina del prelievo è preferibile essere a digiuno o aver fatto una colazione leggera.
Le donne che hanno in corso la terapia anticoncezionale non devono sospenderne l'assunzione quotidiana.

Il prelievo di sangue viene effettuato su una poltrona-lettino, poi il medico inserisce l'ago in una vena e, per circa 5-8 minuti, lascia che il sangue defluisca in una sacca di raccolta che contiene già un liquido anticoagulante e altre sostanze utili alla conservazione del sangue. Il volume massimo di sangue prelevato è di 450 centimetricubici +/- 10%

Dopo il prelievo viene offerto un ristoro per reintegrare i liquidi e migliorare il comfort post donazione.


DONAZIONE E LEGISLAZIONE
La legislazione italiana prevede per i lavoratori dipendenti abbiano una giornata di riposo retribuita; basta portare al datore di lavoro il certificato della donazione efefttuata

Condividi post

Repost 0

Commenta il post